Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Cremona, Lombardia

Giorgio de Chirico scultore

Il Grande Metafisico

Archivio 2004

Data di pubblicazione: 10 March 2004

L’esposizione, dedicata a un aspetto poco noto di de Chirico, quello di scultore, presenta un centinaio di opere, tra cui 60 sculture, molte delle quali mai esposte prima al grande pubblico. A Palazzo Trecchi, dal 13 marzo al 2 maggio.

Muse inquietantiLa mostra copre tutta la carriera artistica di de Chirico come scultore a partire dalle prime esperienze della fine degli anni Trenta e dell’inizio degli anni Quaranta in cui l’artista realizza alcune terrecotte e rari bronzi (Arianna abbandonata, Gli Archeologi, Cavalli e cavalieri).

L’interesse verso la scultura ritorna negli anni Sessanta, prima con la traduzione in bronzo delle terrecotte del 1940, poi, a partire dal 1968, con sempre maggiore continuità. Accanto alle sculture che si ispirano ai temi pittorici della Metafisica, che sembrano incarnare i soggetti dei suoi quadri ((Il Grande Metafisico, Muse inquietanti, Il pittore, Trovatore, Orfeo, Il poeta solitario, Aiace, Gli Archeologi, Ettore e Andromaca, Manichini coloniali, Oreste e Pilade, Penelope e Telemaco, Il consolatore), de Chirico produce opere di soggetto mitologico che derivano dalle sue origini greche mai dimenticate ((Il Minotauro pentito, Cavalli antichi, Ippolito, Le Sibille).

Un’attenta selezione di dipinti, disegni e grafiche mette a fuoco i rapporti fra pittura e scultura.

Il Grande Metafisico. Giorgio de Chirico scultore
Cremona
Palazzo Trecchi, via Trecchi 20.
Orari: dal lunedì al sabato ore 9.00 – 19.00, domenica e festivi ore 10.00 – 19.00.
Info: tel. 0372 460008.
www.cremonamostre.it