Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Torino, Piemonte

Il culto dell’immagine 1860-1920

La Borghesia allo Specchio

Archivio 2004

Data di pubblicazione: 22 March 2004

Attraverso l’esame di molteplici fonti (ritrattistica e pittura di genere, stampe, acqueforti, xilografie, litografie, fotografie, bronzetti, incisioni, libri) la rassegna vuole dare l’opportunità di capire la rivoluzione avvenuta nel mondo della rappresentazione con l’avvento della borghesia. Dal 25 marzo al 27 giugno, a Palazzo Cavour.

dipnto Tra l’Unificazione d’Italia e l’avvento del Fascismo, la borghesia diviene la classe dominante. I nuovi ricchi danno sfoggio di eleganza cercando di imitare l’aristocrazia e, esattamente come quest’ultima, hanno necessità di mettersi in scena. Il bisogno di auto-celebrazione dà vita a una nuova cultura: non solo genera una certa letteratura e una ricchissima iconografia pittorica ma anche, a partire della seconda metà dell’Ottocento, una diffusione senza precedenti dell’immagine celebrativa grazie allo sviluppo di nuove tecniche di riproduzione. Si può dire che, da un certo momento in poi, il dipinto di genere esista quasi esclusivamente per essere riprodotto.

L’alta società europea influenza i comportamenti della borghesia italiana, sia con l’avvento dell’imprenditoria straniera sul territorio nazionale, sia con la presenza stagionale dei potenti che confluiscono nelle stazioni balneari o termali della penisola. Si assiste a un’universalizzarsi dei modi di vita cui la borghesia italiana partecipa da protagonista. Parigi e Londra sono gli epicentri del nuovo mondo, le piazze in cui si giocavano le sorti del mercato internazionale dell’arte contemporanea. I pittori italiani vi sono egregiamente rappresentati e contribuiscono a creare stili di raffigurazione che diventavano legge.

La mostra vuole far luce su questo complesso fenomeno. Le opere scelte, prevalentemente italiane, sono messe a confronto con la grande pittura europea, soprattutto francese, grazie alla partecipazione di musei e collezionisti francesi. La rassegna si sviluppa per soggetti: ritratti intimisti e di società, interni borghesi con figure, bambini, scene intimiste, spettacoli e luoghi pubblici, la vita domestica, i ricevimenti, i salons, i concerti privati, gli sport, i luoghi di villeggiatura, le cerimonie religiose.

La Borghesia allo Specchio. Il culto dell’immagine 1860-1920
Torino
Palazzo Cavour, via cavour 8.
Dal 25 marzo al 27 giugno 2004.
Orario: da martedì a domenica ore 10.00-19.30; giovedì ore 10.00-22.00; chiuso lunedì.
Biglietti: € 6.20 intero; € 4.20 ridotto.
Info: tel. 011530690.
www.palazzocavour.it