Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Mantova, Lombardia

Incontri, mostre, film e spettacoli per discutere

Giornate dei diritti umani

Archivio 2004

Data di pubblicazione: 30 April 2004

Prima edizione, dal 27 al 30 maggio. Quattro giornate con oltre cinquanta appuntamenti, tra film, spettacoli teatrali, mostre fotografiche, reportage a fumetti, dibattiti e incontri. In contemporanea, dal 10 maggio, la mostra “Bambini nel tempo. L’infanzia e l’arte” a Palazzo Te.

Mantova si fa promotrice di queste giornate per sensibilizzare sulla negazione dei diritti umani in molte parti del mondo. L’obiettivo è coinvolgere tutti, non solo coloro che hanno già una sensibilità verso le tematiche umanitarie. Per raggiungerlo si è scelto un programma che desse voce a molte storie con tanti linguaggi. Per questo ci saranno momenti di confronto e di approfondimento, conferenze, film, mostre e spettacoli teatrali, testimonianze di professionisti e cittadini comuni. Tutta la città – piazze, teatri, cinema, luoghi espositivi. – sarà animata e coinvolta nella nella riflessione.

Si parlerà di emergenza sanitaria, AIDS, infanzia, di guerra, della fame nel mondo, di giustizia, di diritti sociali, politici, morali. Saranno ricordati l’Argentina, il massacro ruandese, l’Afghanistan, ma anche realtà locali come le carceri. Una parte importante delle quattro giornate sarà dedicata all’informazione per restituire valore a parole abusate, come umanitario, preventivo, diritto. Interverranno grandi firme dell’informazione, da Ignacio Ramonet a Italo Moretti, testimoni ed esperti provenienti da tutto il mondo, dall’Afghanistan agli Stati Uniti, dall’America Latina al Senegal, dal Vietnam alla Nigeria, dall’ex Jugoslavia alla Cambogia, sino al Rwanda di cui ricorrono i dieci anni dal genocidio.

I bambini sono le principali vittime di violenze e soprusi, privati dei diritti in varie parti del mondo. La mostra Bambini nel tempo, raccontando l’evoluzione della rappresentazione dell’infanzia nell’arte, vuole anche sottrarre l’iconografia del bambino all’orrore quotidiano che ci viene dall’informazione, restituendoci la dimensione vera dell’infanzia. La mostra e le Giornate dei Diritti umani nascono sotto lo stesso comune denominatore. Sono l’accostamento di due mondi diversi, quello che viviamo tutti i giorni attraverso la cronaca e quello dell’arte, che trascende il primo e ci mostra la quotidianità con un po’ più di bellezza e di grazia.

Riepilogo del programma

Incontri
Sono previsti una ventina di incontri, dibattiti e tavole rotonde per discutere temi fondamentali quali i diritti dell’infanzia, delle donne, l’azione umanitaria, il rapporto tra giustizia e perdono. Sociologi, filosofi, giuristi, scienziati, urbanisti, ma anche artisti, scrittori, registi e personalità politiche impegnate in progetti umanitari prospettano iniziative il più possibile concrete per il futuro.

Lemmario
Cinque lezioni a tema per riscrivere il vocabolario dei Diritti umani con le parole dei suoi protagonisti: guerra – democrazia – globalizzazione – donna – azione umanitaria.

Mostre
Alcuni temi fondamentali delle Giornate raccontati dalle immagini. Una mostra fotografica sarà dedicata alle contraddizioni dell’intervento in Afghanistan e ai crimini di guerra. Una collettiva di disegnatori americani riflette sulle incoerenze dell’interventismo umanitario degli Stati Uniti d’America. La mostra “Bambini nel tempo”, è in programma a Palazzo Te, dal 10 maggio al 4 luglio 2004.

Film
Venti film, selezionati da Human Rights Watch International Film Festival di New York, Locarno International Film Festival, Festival di Cannes, Festival dei Popoli, Sundance Film Festival, Festival Cinema Africano d’Asia e America Latina saranno proiettati in due o tre sale cittadine con un sistema di repliche delle visioni che consentirà di raggiungere le diverse fasce di pubblico. In alcuni casi ai film seguirà un momento di discussione con il pubblico.

Spettacoli
Il teatro mette in scena il mondo e le contraddizioni del suo sviluppo. I grandi temi dei Diritti umani saranno ancora una volta l’argomento del confronto fra gli attori e il pubblico.

Le Giornate dei Diritti umani sono un’iniziativa del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te sostenuta dal Comune di Mantova. Hanno partecipato al progetto, diretto da Codice, Idee per la cultura: l’Unicef, Save the children e l’agenzia Contrasto.

Info: www.giornatedeidirittiumani.org