Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Faenza, Emilia-Romagna

Di maiolica fina armati

Fontana«Solo qualche bicicletta passava tratto tratto nel vuoto, silenziosamente» scrive Oriani in una pagina del suo Vortice del 1899, e quell'occasionale passaggio di una bicicletta sottolinea, con il suo silenzio, il senso di deserto metafisico che era stato descritto poco prima. Esattamente un secolo più tardi, capita spesso di rivedere le piazze gemelle nello stesso modo: deserte, con il portone del Duomo socchiuso, e solo qualche bicicletta che interrompe la solitudine senza fare rumore. Le bicicletta a Faenza sembrano essere il principale mezzo di trasporto urbano, e sono tanto numerose che se non fosse per gli edifici sembrerebbe di trovarsi in qualche cittadina olandese.

Il lato della doppia piazza opposto a quello della cattedrale è dominato dal Palazzo del Podestà, attualmente sede del municipio, sopra il quale si innalza la Torre dell'orologio, fedele ricostruzione postbellica dell'originale seicentesco fatto saltare dai tedeschi durante la loro ritirata.

«Una grossa torre barocca: dietro la ringhiera una lampada accesa: appare sulla piazza al capo di una lunga contrada dove tutti i palazzi sono rossi e tutti hanno una ringhiera corrosa... L'occhio dell'orologio trasparente in alto appare che illumina la sera, le freccie dorate: una piccola madonna bianca si distingue già dietro la ringhiera colla piccola lucerna corrosa accesa.» Questa descrizione della torre appartiene alla prosa visionaria dei Canti Orfici di Dino Campana, che a Faenza aveva studiato nel collegio dei Salesiani e della città conservava ricordi profondi che riaffiorano in vari punti dei Canti.

Ma, se ci si consente il salto irriverente, queste due piazze che sono poi sono una sola, con la chiesa a un'estremità e il municipio all'altra, con la perenne contesa fra il campanile e la torre civica, a noi ricordano un po' anche le indimenticabili liti cinematografiche tra Fernandel e Gino Cervi nei panni di Don Camillo e Peppone. Le cui storie non sono ambientate proprio qui, ma in fondo potrebbero anche esserlo.