Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Milano, Lombardia

Visioni del fantastico e del meraviglioso. Prima dei surrealisti

Le immagini dell’inconscio

di Manuela Malaguti

Archivio 2004

Data di pubblicazione: 4 November 2004

Incisione

La Fondazione Antonio Mazzotta festeggia i dieci anni di apertura della sede espositiva di Milano con una mostra di oltre 300 opere scelte dal fondo permanente della Fondazione. Volumi antichi, stampe, disegni, acquarelli, curiosità guidano il visitatore in un viaggio nella storia del fantastico, del prodigioso, del surreale, come nel corso dei secoli è stato denominato l’inconscio e ciò che non si poteva spiegare razionalmente, dal Quattrocento ai primi del Novecento. Prima, cioè, che questi temi divenissero attuali grazie ai surrealisti e alle avanguardie. Fino al 16 gennaio 2005.

Disegno Apre la mostra un'edizione del 1487 della Divina Commedia con 68 xilografie che ci introducono in un mondo infernale. In esposizione poi le spendide incisioni di Pieter Bruegel il vecchio, La Tentazione di Sant'Antonio (1635) di Jacques Callot, la serie inedita delle Carceri (1740-50) di Giambattista Piranesi; ma anche i romantici William Blake, Eugene Delacroix e Grandville, L'Arcimboldo dei Mestieri di Larmessin; Aldrovandi e i suoi mostri; rarissimi Max Klinger, una selezione dai cicli dei Capricci di Francisco Goya e delle Tentazioni di Sant'Antonio di Odilon Redon, Richard Müller, la Beata Solitudo (1908) di un Boccioni non ancora futurista, Alfred Kubin con trenta originali, fino alle serie straordinarie dei Misteri (1914-15) e della Divina Commedia (1901-1944) di Alberto Martini.

La mostra è divisa in sezioni tematiche attraverso le quali conoscere i diversi aspetti del fantastico. Si può quindi immergersi nel mondo della "Fisiognomica", da Giovanbattista Della Porta a Johann Kaspar Lavater fino a Charles Le Brun o della "Danza macabra" di Hans Holbein; osservare incredibili "macchine fantastiche e scientifiche" o entrare in una "Wunderkammer", la camera delle meraviglie, che arricchiva le corti europee tra la metà del Trecento sino al Settecento.

Visioni del fantastico e del meraviglioso. Prima dei surrealisti
Milano
Fondazione Antonio Mazzotta, Foro Bonaparte 50.
Dal 23 ottobre 2004 al 16 gennaio 2005.
Orario: 10-19.30; martedì e giovedì 10-22; chiuso tutti i lunedì feriali e sabato 25 dicembre 2004. Aperture straordinarie con orario normale: mercoledì 8 dicembre e domenica 26 dicembre 2004 ore 10-19.30; martedì 7 dicembre ore 10-22.30. Con orario ridotto: venerdì 24 dicembre e venerdì 31 dicembre 2004 ore 10-17; sabato 1° gennaio 2005 ore 11-19.30.
Ingresso: intero € 8,00; ridotto € 5,50/4,50.
Info: tel. 02.878197-878380.
www.mazzotta.it