Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Torino, Piemonte

Il tema della Passione di Cristo dal XV al XVIII secolo

Lo sguardo e il racconto

di Manuela Malaguti

Archivio 2005

Data di pubblicazione: 3 February 2005

Dal 13 febbraio al 29 giugno, nella Sala Leonardo della Biblioteca Reale una serie di preziosoi incunaboli, miniature, incisioni e opere grafiche, realizzati fra il Quattrocento e il Settecento, raccontano per immagini la Passione di Cristo. Le opere appartengono all’antica Biblioteca dei Savoia, arricchita, nel 1840, dallo straordinario fondo grafico acquistato dal re Carlo Alberto. Ad esse si affiancano opere pregevoli del Museo Civico d’Arte Antica di Palazzo Madama. A partire dalla seconda metà di aprile, la mostra ospiterà il Cristo crocifisso di Michelangelo Buonarroti, scultura lignea recentemente attribuita al grande maestro rinascimentale e attualmente in mostra in Giappone.

I momenti più drammatici della Passione di Cristo - la flagellazione, la salita al Calvario, la crocifissione, la deposizione dalla croce - si ritrovano nelle rare immagini degli incunaboli, in preziose miniature dei codici medioevali e rinascimentali e nelle raffinate incisioni dei libri devozionali del Cinquecento e del Seicento.

Nel Settecento, gli stessi soggetti sono fissati in rare incisioni dal segno straordinario di Jacques Callot nella Piccola Passione. E anche, con maggiore immediatezza, nelle opere grafiche e nei disegni dei grandi maestri italiani e stranieri: Bernardino Lanino, il Bramantino, Antonio Carracci, Anthonis van Dyck, Giovanni Baglione, Giuseppe Passeri accanto agli anonimi maestri di scuola lombarda e agli artisti di Anversa, fra cui gli allievi di Rubens.

Lo sguardo e il racconto. Il tema della Passione di Cristo dal XV al XVIII secolo
Torino
Biblioteca Reale, piazza Castello 191
Dal 13 febbraio al 29 giugno 2005.
Orario: mercoledì 14.00-18.00; domenica 10.00-18.00. Chiuso domenica 27 marzo.
Ingresso: intero € 5,00; ridotto € 2.50.
Info e prenotazioni: numero verde 800 329 329 oppure www.piemonte-emozioni.it.
Le prenotazioni, vivamente consigliate, saranno accolte fino a martedì alle ore 10 per le visite del mercoledì; fino al sabato alle ore 10 per le visite della domenica. Tutte le visite saranno condotte da un operatore specializzato e dureranno 40 minuti con partenza ogni 20 minuti.