Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Milano, Lombardia

AnniCinquanta. La nascita della creatività italiana

Dalle mondine alla Dolce vita

Archivio 2005

Data di pubblicazione: 24 February 2005

locandina Tremila metri quadrati di esposizione, oltre settecento realizzazioni straordinarie fra dipinti, sculture, documenti, fotografie, filmati, abiti e oggetti di design. La mostra offre per la prima volta un affresco completo della vita italiana in un momento storico eccezionalmente fecondo: gli anni Cinquanta. A Palazzo Reale, dal 3 marzo all’11 settembre 2005.

Grattacielo Pirelli Il periodo che va dalle elezioni del 18 aprile 1948 alle Olimpiadi di Roma del 1960 ha rappresentato per l'Italia, uscita dalle distruzioni della guerra, non solo il momento della rinascita economica e materiale, ma anche la stagione che ha segnato l'inizio della peculiare creatività italiana. Un percorso di evoluzione che ha portato un paese ancora fondamentalmente agricolo e per la gran parte analfabeta a diventare una delle maggiori potenze economiche e industriali d'Europa e del mondo.

La nascita del design diffuso, con l'attenzione agli aspetti estetici e produttivi legati agli oggetti quotidiani, del prêt-à-porter, della ricostruzione urbanistica e dell'edilizia popolare, del dibattito artistico con il fiorire dei "manifesti", dello sviluppo di un cinema fatto da grandi autori e da grandi tecnici che guarda alla realtà quotidiana, fanno emergere personalità di altissimo livello che danno vita a uno stile tutto italiano che riscuoterà successo internazionale.

SculturaÈ sufficiente fare i nomi di Gio Ponti, di Marco Zanuso e Bruno Munari, di Albe Steiner e di Max Huber per capire quali forti personalità si impongano e caratterizzino, ad esempio, l'architettura e il design di quegli anni. Ma è anche il periodo di Emilio Pucci e di Roberto Capucci nella moda, di Visconti, Fellini, De Sica, Antonioni e Rossellini nel cinema, di Fontana e Burri, di Manzoni, Marino Marini, Guttuso e Vedova nell'arte, di Giacomelli. Mulas, Berengo Gardin e Roiter nella fotografia. Personaggi capaci di superare i confini dell'Italia e diventare modelli internazionalmente riconosciuti.

Preliminare alla mostra è una grande installazione nella piazzetta Reale: dall'aereo Fiat G91, vero e proprio fiore all'occhiello dell'ingegneria e del design italiano, alle automobili di quegli anni, quali la Nuova Fiat 500, la Lancia Aurelia, la Cisitalia e la mitica Giulietta Sprint. Successivamente, le singole sezioni dedicate ad architettura, design e grafica, cinema e televisione, moda, fotografia, arte ricostruiscono la storia di quegli anni e dei loro protagonisti e analizzano la nascita di quella via italiana alla cultura e al gusto moderni, che da allora in poi ha caratterizzato il nostro Paese.

Numerose iniziative collaterali fanno da cornice alla mostra: una rassegna cinematografica allo Spazio Oberdan, una sfilata di Fiat 500, una serie di incontri e dibattiti e altre ancora.

AnniCinquanta. La nascita della creatività italiana

Milano
Palazzo Reale, piazza Duomo 12
Dal 3 marzo all'11 settembre 2005.
Orari: tutti i giorni 9.30-19.30; giovedì 9.30-22.30; lunedì chiuso.
Ingresso: intero € 9,00; ridotto € 7,50; gratuito per i bambini fino a 6 anni.
Info: call center 02 330 200 50
www.annicinquanta.org