Viaggi Magazine - vacanze offerte voli alberghi cartine guide foto mostre manifestazioni

Firenze, Toscana

Visite guidate gratutite alle botteghe artigiane

Artigiani d’Oltrarno

Archivio 2005

Data di pubblicazione: 26 April 2005

Ponte VecchioDal restauro di mobili, libri e opere d’arte all’oreficeria, dalla lavorazione artistica dei metalli, della pietra e del cuoio alla legatoria d’arte, dall’arte dell’incisione e dall’intaglio di legno alla tessitura e alla tappezzeria, dalla fusione a cera pesta all’arte dell’illuminazione, dal mosaico alla ceramica. Sono alcune delle attività artigianali che offre l’Oltrarno. Dal 2 maggio al 29 luglio, e ancora dal 12 settembre al 24 dicembre, si può andare alla scoperta di queste realtà artigianali al confine con l’arte con visite guidate gratuite.

ArtigianatoL'Oltrarno è un quartiere storico di Firenze, un museo a cielo aperto con vicoli e stradine, piazze e giardini chiusi da mura, chiese e palazzi. Miracolosamente si è salvato dal dilagare di attività commerciali omologate e prive di radici. Invece, è il mondo degli artigiani, maestri dalla manualità raffinata, in grado di accostare tecniche antichissime a tecnologie moderne, che operano in laboratori, atelier e botteghe spesso estremamente suggestivi. Un patrimonio di conoscenze, abilità e tradizioni da scoprire con calma, visitando i laboratori uno per uno, entrando in contatto con i maestri artigiani e godendo delle bellezze artistiche di uno spicchio di città ancora non invaso dal turismo di massa.

L'idea alla base di "Artigiani d'Oltrarno" è far conoscere, a turisti e fiorentini, il patrimonio artigianale dell'Oltrarno, promuovendo insieme le aziende artigiane e un turismo informato e sostenibile. Le visite ai laboratori artigiani dell'Oltrarno, pensate dalla Camera di Commercio, la Provincia e l'Agenzia per il Turismo di Firenze, con la collaborazione di altre realtà locali, sono accompagnate da guide turistiche professioniste particolarmente preparate nel campo dell'artigianato e delle arti applicate e sono del tutto gratuite.

Per esempio, al civico numero 10 di via Barbadori, si può visitare il piccolo atelier orafo Filippini e Di Vecchio il cui pezzo forte sono le perle "barocche" (cioè non perfettamente sferiche). Sulla stessa via, al civico 23, c'è il negozio del signor Mannina, uno dei più prestigiosi nomi fiorentini delle calzature su misura. Nel parallelo borgo San Iacopo, si trova il laboratorio di oreficeria dei fratelli Chilleri, che utilizzano il procedimento della "fusione a cera persa". Invece, lungo via San Niccolò due laboratori convivono a breve distanza l'uno dall'altro: al 2 l'officina del ferro e della lamiera del decoratore Valterio Certini si nasconde dietro la facciata dell'ex oratorio della Compagna dei Buonuomini; al 99, c'è la restauratrice Bettina Schindler, maestra del restauro ad altissimo livello di oggetti antichi in avorio, tartaruga, ambra, corallo e altri materiali organici.

Le visite, della durata di 3 ore, si svolgono, ogni lunedì e giovedì pomeriggio (ma si possono concordare altri giorni), dal 2 maggio al 29 luglio e dal 12 settembre al 24 dicembre 2005. Vengono organizzate per un minimo di 4-5 partecipanti e vanno prenotate.

Per informazioni e prenotazioni: C.A.T., tel. 055 3036108 (lun., mer., ven. 10-12, mar., gio. 14-16), itinerari.turistici@siwwebsrl.com